15 dicembre 2015

Neil Young & Promise Of The Real, in Italia nel 2016

Il Rebel Content Tour sbarcherà in Europa nell'estate 2016. Questa la notizia della settimana: dai primi rumours che volevano Neil Young & Promise Of The Real a Leipzig a luglio, si è passati a una serie di date tra giugno e luglio in Regno Unito, Belgio, Olanda, Germania, Svezia, Norvegia e - rullo di tamburi - Italia, con ben 4 concerti.
Al momento il tour si compone delle seguenti date:

2016-06-05, SSE Hydro, Glasgow, Scozia
2016-06-07, SSE Arena, Belfast, Irlanda del Nord
2016-06-08, 3Arena, Dublin, Irlanda
2016-06-10, First Direct Arena, Leeds, Inghilterra
2016-06-11, O2 Arena, London, Inghilterra
2016-06-24, Sportpaleis, Antwerpen, Belgio
2016-06-05, Dalhalla, Rättvik, Svezia
2016-06-07+08, Stavernfestivalen, Stavern, Norvegia
2016-07-09, Ziggo Dome, Amsterdam, Olanda
2016-07-13, Anfiteatro Camerini, Piazzola Sul Brenta, Padova, Italia
2016-07-15, Teatro delle Terme di Caracalla, Roma, Italia
2016-07-16, Piazza Napoleone, Lucca Summer Festival, Lucca, Italia
2016-07-18, Market Sound, Milano, Italia

2016-07-20, Völkerschlachtdenkmal, Leipzig, Germania
2016-07-21, Waldbühne, Berlin, Germania

Qui la prevendita per i concerti in Italia!

3 dicembre 2015

This Path Tonight, il nuovo album di Graham Nash in aprile

Dopo aver dichiarato, in un'intervista della scorsa primavera, di aver composto e registrato insieme a Shane Fontayne una ventina di canzoni inedite, Graham Nash darà alle stampe il suo nuovo album solista il prossimo aprile.
Si intitola This Path Tonight (precedentemente era stato annunciato come Now/Then) e consiste di 10 canzoni nel suo formato standard, 13 in quello deluxe. Nella tracklist ritroviamo alcuni brani che hanno già debuttato dal vivo in occasione del tour solista 2015 e dei tour con Crosby Stills & Nash.

1. This Path Tonigh
2. Myself At Last
3. Cracks In The City
4. Beneath The Waves
5. Fire Down Below
6. Another Broken Heart
7. Target
8. Golden Days
9. Back Home
10. Encore

Bonus tracks:
11. Mississippi Burning
12. Watch Out For The Wind
13. The Fall 


Sul sito ufficiale maggiori informazioni sui formati di uscita, già disponibili in preordine su Amazon e iTunes; inoltre su Amazon è disponibile anche una versione deluxe con dvd allegato (il quale, stando alla tracklist e in attesa di ulteriori dettagli, parrebbe contenere un concerto tratto dal tour solista di Nash). La data di uscita è il 15 aprile 2016.
A supportare il nuovo album, Nash andrà in tour per circa un mese tra gennaio e febbraio negli States (qui le date).

26 novembre 2015

Bluenote Cafè in classifica

Update 23.12.15

(partial sales) [total sales]:

U.S.A. Billboard Top 200 (date of entry 05.12.2015): 89-out
U.S.A. Billboard Top 100 Album Sales (date of entry 05.12.2015): 54-out
U.S.A. Billboard Top 100 Current Albums (date of entry 05.12.2015): 49-out
U.S.A. Billboard Top 50 Rock Album (date of entry 05.12.2015): 8-32-out
U.S.A. Billboard Top 25 Folk Album (date of entry 05.12.2015): 1-8-11-16-23
U.S.A. Billboard Top 25 Tastemakers Album (date of entry 05.12.2015): 2-9-out
U.S.A. Hitsdailydouble Top 50 Sales (date of entry 20.11.2015): 42 (6.057)-out
AUSTRIA Top 75 (date of entry week46.2015): 23-out
BELGIUM - FLANDERS Top 200 (date of entry 21.11.2015): 17-44-42-76-106
BELGIUM - WALLONIE Top 200 (date of entry 21.11.2015): 54-95-115-138-168
CROATIA Top 50 Combined (date of entry week47.2015): 47-out
CROATIA Top 40 International (date of entry week46.2015): 28-9-27-out
FINLAND Top 50 (date of entry week47.2015): 35-out
FRANCE Top 250 (date of entry 19.11.2015): 84-182-234-out
FRANCE Top 200 Phisycal (date of entry 19.11.2015): 68-133-out
FRANCE Top 200 Download (date of entry 19.11.2015): 156-out
GERMANY Top 100 (date of entry 20.11.2015): 16-59-89-115
GERMANY Top 100 Combined (date of entry 20.11.2015): 20-71-110-out
HUNGARY Top 40 (date of entry 15.11.2015): 25-28-28-out
IRELAND Top 100 (date of entry 20.11.2015): 39-out
ITALY Top 100 (date of entry 20.11.2015): 55-76-out
NETHERLANDS Top 100 (date of entry 21.11.2015): 21-56-81-94-out
NETHERLANDS Top 100 CombiAlbums (date of entry 21.11.2015): 27-79-out
NORWAY Top 40 (date of entry week47.2015): 24-out
SCOTLAND Top 100 Sales (date of entry 20.11.2015): 30-out
SPAIN Top 100 (date of entry 19.11.2015): 86-out
SWEDEN Top 60 (date of entry 20.11.2015): 55-out
SWITZERLAND Top 100 (date of entry 22.11.2015): 52-out
ROMANDIA Top 50 (date of entry 22.11.2015): 42-out
U.K. Top 200 (date of entry 20.11.2015): 39 (2.804)-out
U.K. Top 100 Sales (date of entry 20.11.2015): 37-out
U.K. Top 100 Physical (date of entry 20.11.2015): 32-out
U.K. Top 40 Vinyl Albums (date of entry 20.11.2015): 6-out
U.K. Top 40 Record Store (date of entry 20.11.2015): 10-out
WALES Top 100 Sales (date of entry 20.11.2015): 30-out
AUSTRALIA Top 100 (date of entry 23.11.2015): 112-out
ISRAEL Top 30 Musicaneto (date of entry 13.12.2015): 10-out

Grazie a Luca "Borderwolf" Vitali.


19 novembre 2015

(After) The Gold Rush: in libreria un nuovo volume monografico

In occasione del 70° compleanno di Neil Young la prossima settimana, il pubblico italiano vedrà un nuovo libro dedicato al rocker canadese arrivare sugli scaffali delle librerie: si tratta di (After) The Gold Rush di Stefano Frollano e Fabio F. Pellegrini (Arcana Editrice). Un volume essenziale per l'appassionato, che si discosta da quanto pubblicato precedentemente.
Siamo particolarmente orgogliosi della notizia perché gli autori menzionano il lavoro di Rockinfreeworld, in particolare la traduzione completa dei testi disponibile al portale NeilYoungTradotto.


A settant’anni dalla nascita, e a quarant'anni da Zuma, Neil Young detta ancora i tempi. Autore, cantante, chitarrista, attivista, il musicista sigilla anno dopo anno, con la veemenza che lo contraddistingue da sempre, album e concerti, attività benefiche e studi sul suono, invettive contro le corporazioni e soluzioni ecologiche.
Un artista a tutto tondo che Stefano Frollano e Fabio F. Pellegrini osservano e studiano rileggendone la storia musicale in un viaggio che parte dal Canada per approdare in California, terra sognata come il Nuovo Paradiso: è così che la corsa all’oro del 1849 trova la sua ricreazione durante gli anni Sessanta del secolo scorso, quando decine di musicisti partiranno alla volta del «Golden State». La natura incontaminata, i nativi americani, una nuova Terra Promessa diventano gli elementi dove misurare sé stessi, trasformando la Frontiera da luogo fisico a un non luogo, dove l’immaginazione e la fantasia diventano altri confini da raggiungere. I due autori tentano, inoltre, di verificare la suggestiva ipotesi del legame tra la pittura dell’Ottocento e Novecento con l’opera di Young, che affonda le proprie radici in quell’humus culturale. The Squires, i Buffalo Springfield, CSNY, i Crazy Horse e altri protagonisti dell’universo del cantautore canadese trovano spazio in questa saga che continua a ispirare nuove generazioni di musicisti in tutto il mondo.
Il volume è corredato da alcune immagini inedite in Italia, da una accuratissima discografia dell’artista, una cronologia dei concerti dal 1961 al 1978 e da una intervista esclusiva con Ralph Molina, il leggendario batterista dei Crazy Horse e James Mazzeo, autore della copertina di Zuma.

Gli autori.
Stefano Frollano: chitarrista, cantante, autore di canzoni e libri, ha pubblicato due cd come solista, quattro con band italiane e ha partecipato a numerosi progetti di altri cantautori italiani. Ha collaborato anche con emittenti radiofoniche e riviste musicali quali «Jam», «Mucchio Selvaggio», «Ciao 2001», «Raro», «Satisfaction». È uno dei maggiori esperti al mondo su Neil Young e CSNY e ha pubblicato libri su questi artisti in Italia e all’estero.
Fabio F. Pellegrini: laureato in lettere con indirizzo storia dell’arte, è expertise, autore e musicologo. Ha lavorato presso una serie di emittenti radiofoniche (Radio Macondo, Radio Centro Musica, TRC).

Prenotazione già disponibile su Amazon e altri portali.

11 novembre 2015

Bluenote Cafè: tutto l'album disponibile in streaming

L'album Bluenote Cafè è disponibile in streaming per l'ascolto. Nei negozi uscirà venerdì 13 novembre (vedi dettagli e tracklist).
Qui sotto l'ultima anteprima apparsa su Youtube, la traccia "I'm Goin'", che venne pubblicata solo su singolo del 1988 in un'altra versione.
Buon ascolto!


6 novembre 2015

Anteprima "Twilight", Bluenote Cafè 1988

Dal live in arrivo il 13 novembre, Bluenote Cafè, una nuova traccia in anteprima: l'oscura "Twilight", una delle migliori composizioni di Neil Young durante il periodo Bluenotes.


27 ottobre 2015

Anteprima di "Hello Lonely Woman" e "Crime In The City", Bluenote Cafè 1988


Dopo "Crime In The City", che possiamo ascoltare in una versione dal vivo diversa da quella pubblicata su Freedom, è stata rilasciata anche una seconda anteprima di Bluenote Cafè, il doppio disco del tour 1988: "Hello Lonely Woman", brano originario del periodo Squires (primi anni Sessanta, la band con cui Neil Young suonava al college). Il live è in uscita a novembre con una tracklist ricca di inediti.



Neil Young Youtube Channel

26 ottobre 2015

Neil Young al Bridge Benefit 2015: setlist, foto e video

Lo scorso weekend, al Bridge Benefit Concert 2015, Neil Young e i Promise Of The Real hanno suonato gli ultimi due set della loro collaborazione, almeno fino alle prossime novità.
Neil si è esibito da solo in apertura, come al solito, per poi suonare insieme alla band un set di 8 canzoni e concludere insieme a tutti i musicisti con il gran finale.
Ecco le setlist.

24 ottobre
Solo:
1.    Comes A Time     2.    Sugar Mountain
Con Nils Lofgren:
3.    Believe
Band:
4.    Human Highway     5.    Hold Back The Tears
6.    Only Love Can Break Your Heart     7.    September Song
8.    Southern Man     9.    Mother Earth (Natural Anthem)
10.    Are You Ready For The Country?     11.    Wolf Moon

Finale:
12.    One Of These Days

25 ottobre
Solo:
1.    After The Gold Rush      2.    Human Highway
Band:
3.    Out On The Weekend      4.    From Hank To Hendrix
5.    Harvest Moon      6.    September Song
7.    Workin' Man      8.    Big Box
9.    Are You Ready For The Country?      10.    One Of These Days

Finale:
11.    Who's Gonna Stand Up?

Galleria fotografica:





Un video di "Southern Man":


20 ottobre 2015

Rebel Content Tour: tiriamo le somme

Si è conclusa anche la seconda parte del Rebel Content Tour che ha visto Neil Young calcare il palco insieme ai Promise Of The Real, band che ha saputo dare nuova vita a molti grandi classici e molte rarità del repertorio del canadese, oltre naturalmente ai brani protagonisti del loro disco in studio The Monsanto Years, che ancora non soddisfa tutti i palati e fa parlare di sé.
Il tour, come spesso è capitato nella carriera di Young, ha avuto tutt'altra accoglienza: le 63 canzoni suonate dalla band in 23 concerti tra aprile e ottobre hanno sorpreso il pubblico. Vanno menzionate una serie di perle rare quali Hold Back The Tears, Out On The Weekend, Words, White Line, Double E, Hippie Dream, Don't Be Denied, Lookin' For A Love, Western Hero, Here We Are In The Years, Burned, Vampire Blues, LA, Time Fades Away (queste ultime tre in particolare, eseguite in splendide versioni, hanno chiuso il tour lasciandoci a bocca spalancata).
Anche all'ultimo Farm Aid il gruppo si è presentato con un set memorabile, debuttando persino l'inedita "I Won't Quit" che riprende stile e tematica delle canzoni nel loro album.
L'amore reciproco tra Neil e i fratelli Nelson (figli di Willie) è indubbio, come dimostra il messaggio che si sono scambiati pubblicamente questa estate: "facciamo in modo che continui così...".
Nel frattempo l'attivismo di Young ha fatto parlare di sé, oltre per le posizioni esplicite dichiarate dall'album contro Monsanto, anche per le cospicue donazioni a fondi pro-ambiente e l'apertura del portale GoEarth dedicato all'informazione "verde". Il Rebel Content Tour stesso è stato accompagnato dal Neil's Village, sorta di "fiera" che promuovere l'informazione su agricolture e tecnologie sostenibili.
Tornando alla musica, chi volesse ascoltare un po' del materiale live registrato in formato bootleg può rivolgersi al sito Guitars101 o al sempre aggiornatissimo Dimeadozen.
Di seguito qualche scatto a testimonianza di questo bel momento nella carriera di Neil Young (molti altri li potete trovare e condividere sulla nostra pagina Facebook).


10 ottobre 2015

Esce in Italia il secondo libro di memorie di Young, Special Deluxe

E' finalmente uscito in italiano per Feltrinelli la seconda autobiografia di Neil Young: Special Deluxe, racconti di vita e di automobili che in America era uscito lo scorso anno.
In questo libro Young prosegue il suo "collage" di memorie, raccontando storie e aneddoti di musica e persone, seguendo come filo conduttore le auto d'epoca che hanno fatto parte della sua collezione privata. Ogni capitolo è introdotto da un acquerello di Young che ritrae una delle sue auto. Oltre a parlare di canzoni, album e musicisti, Young divaga spesso sul progetto LincVolt con il quale sta tentando di realizzare un motore elettrico.
Tradotto da M. Grompi e D. Sapienza, il volume (393 pagine) è disponibile in libreria ed ebook store.


9 ottobre 2015

Bluenote Cafè: il leggendario live del 1988 uscirà a novembre

Grandissima notizia per gli appassionati di Neil Young che attendono il rilascio, pezzo dopo pezzo, dei suoi giganteschi Archivi. Un altro tassello arriverà nei negozi il 13 novembre: si tratta del Bluenote Cafè, disco live previsto nel 1988 dopo il tour con la formazione rhythm & blues dei Bluenotes (ben 12 elementi in tutto) ma poi caduto nel dimenticatoio in favore di nuovi progetti.
La Archives Performance Series fa suo questo tesoro e lo inserisce come 11° volume della serie live. Questa volta si tratta di un doppio cd (e quadruplo vinile) con una gran bella sequenza di brani, tra quelli dell'album, alcuni pubblicati in altre versioni successivamente, alcuni completamente inediti, e alcune revisioni di brani del passato in una chiave decisamente diversa.

Disc 1:
Welcome To The Big Room*
Don't Take Your Love Away From Me**
This Note's For You
Ten Men Workin'
Life In The City
Hello Lonely Woman**
Soul Of A Woman**
Married Man
Bad News Comes To Town*
Ain't It The Truth**
One Thing
Twilight

Disc 2:
I'm Goin'**
Ordinary People
Crime In The City
Crime Of The Heart*
(Welcome Rap)
Doghouse*
Fool For Your Love**
(Encore Rap)
On The Way Home
Sunny Inside
Tonight's The Night

* completamente inedita
** edita solo su singolo, in versione live o in Archives
Il live è un'antologia di varie serate (sul sito ufficiale potete leggere i credits dettagliati).
Non è il disco per chi vuole risentire i classici come "Heart Of Gold", ma come dimostrano gli innumerevoli bootleg (alcuni di qualità soundboard) in circolazione da anni, il tour è stato tra i più lodevoli tra le peripezie degli anni 80, certamente più rappresentativo ed elettrizzante dell'album This Note's For You e con composizioni ben più memorabili ("Crime In The City" e "Ordinary People" per esempio).
Su Youtube è stata rilasciata come primo streaming la canzone "Crime In The City" (vedi sotto, dopo la cover).

La formazione dei Bluenotes era così composta:
Neil Young - guitar & vocals
Rick Rosas - bass 
Chad Cromwell - drums 
Frank Sampedro - keyboards (dai Crazy Horse)
Steve Lawrence - lead tenor saxophone 
Ben Keith - alto saxophone 
Larry Cragg - baritone saxophone 
Claude Cailliet - trombone 
Tom Bray - trumpet 
John Fumo - trumpet 
Billy Talbot – bass (dai Crazy Horse)
Ralph Molina – drums (dai Crazy Horse)





7 ottobre 2015

Neil Young lancia il sito GoEarth.org e dona 100.000$ a un fondo pro-ambiente

Giorni intensi per Neil Young, che tra una tappa e l'altra del Rebel Content Tour con i Promise Of The Real, dedica un sempre maggior impegno alla sua attività di sostegno verso le politiche ambientali verdi, dalla battaglia contro l'inquinamento atmosferico all'agricoltura sostenibile.
Ha inaugurato proprio qualche giorno fa il sito GoEarth.org, portale dedicato all'informazione ambientale. Inoltre, dopo il concerto di Vancouver, ha donato 100.000$ alla Blue Dot campaign, fondazione di David Suzuki che ha come obietivo il mantenimento di un ambiente naturale e salutare in Canada.


2 ottobre 2015

Riparte il Rebel Content Tour: Neil Young + Promise Of The Real in concerto

Come annunciato, Neil Young e i Promise Of The Real di Lukas e Micah Nelson hanno ripreso il Rebel Content Tour e faranno una serie di concerti negli USA per il mese di ottobre. Ieri si è svolta a Missoula la prima serata che ha visto ben 23 canzoni, tra quelle del controverso nuovo album The Monsanto Years, i classici di repertorio (da "After The Gold Rush" a "Down By The River", "Old Man" e "Rockin' In The Free World"), alcune canzoni che in concerto abbiamo sentito di rado ("Western Hero", "Winterlong", "Words", "Southern Man"), una nuova dal titolo "I Won't Quit" (sentita anche pochi giorni fa al Farm Aid) e persino un paio di cover (una, giustamente, di papà Willie).
Ecco la setlist completa:

1. After The Gold Rush
2. Heart Of Gold
3. Long May You Run
4. Old Man
5. Mother Earth (Natural Anthem)
6. Hold Back The Tears
7. Out On The Weekend
8. Western Hero
9. Unknown Legend
10. Wolf Moon
11. Harvest Moon
12. Words
13. Winterlong
14. September Song [Kurt Weill]
15. Precious Memories [Willie Nelson]
16. A Rock Star Bucks A Coffee Shop
17. People Want To Hear About Love
18. Down By The River
19. "I Won't Quit"
20. Everybody Knows This Is Nowhere
21. Southern Man
22. Love And Only Love
23. Rockin' In The Free World


Prossimi aggiornamenti con i concerti successivi e l'apparizione in rete dei bootleg.


27 settembre 2015

Crosby Stills & Nash questa settimana a Milano, Padova e Roma

Il trio CSN accompagnato dalla band si esibirà per tre concerti nel nostro paese.
  • giovedì 1 ottobre saranno al Teatro degli Arcimboldi di Milano
  • sabato 3 ottobre al Gran Teatro Geox di Padova
  • domenica 4 ottobre all'Auditorium Parco della Musica di Roma 
Qui un articolo di Il Sole 24 Ore.
I biglietti ancora disponibili sul sito Ticketone.
Qui i dettagli sui tour 2015 di Crosby Stills & Nash, mentre qui alcune informazioni su nuovi brani e novità.


20 settembre 2015

Farm Aid 2015, Neil con i Promise of the Real per 7 canzoni a sorpresa: setlist, bootleg, foto, video

Ieri 19 settembre, a Chicago si è svolto il 30° Farm Aid. Si sono esibiti numerosi artisti tra cui i quattro big, padri fondatori della manifestazione benefica a favore degli agricoltori: Neil Young, Willie Nelson, John Mellencamp e Dave Matthews.
Neil è salito sul palco con i Promise of the Real (che hanno anche aperto la giornata con un set tutto loro, guidati da Lukas Nelson) per sette canzoni in gran parte inaspettate: una completamente nuova dal titolo "I Won't Quit", tre dall'album The Monsanto Years, tre dal repertorio younghiano (ma due di queste decisamente inaspettate).
Ecco la setlist:
Workin’ Man
A Rock Star Bucks a Coffee Shop
Big Box
Alabama
Western Hero
I Won’t Quit
Love and Only Love 

Dopo poche ore è già disponibile il bootleg (tratto dal webcast quindi di ottima qualità) sul sito Bigozine2. Inoltre tenete d'occhio il canale Youtube FarmAid perché a breve saranno pubblicati i video dei principali artisti.


9 settembre 2015

Bollettino Monsanto: conclusioni

A tre mesi dall'uscita, le critiche su The Monsanto Years si confermano quantomai in disaccordo. Metacritic ha raccolto 31 recensioni i cui voti vanno da 2 a 10 con tutte le sfumature intermedie: 10 rientrano nel range positivo (6,1-10), la maggior parte ovvero 19 nel range intermedio basso (3,1-6) e soltanto 2 in quello fortemente negativo (1-3). Il voto medio è passato dal bollino giallo di luglio a quello verde, con una rosicatissima sufficienza: magra consolazione.
Lee Zimmerman di PopMatters dice: "Sebbene il messaggio talvolta tenda a sopraffare la musica, l'album è lungi dall'essere l'accozzaglia inascoltabile come affermano certi critici".
In termini di classifiche e di vendite, l'album segue la media in calo tanto di Young quanto del generale mercato discografico. Certo, si nota la differenza tra le 100 mila copie circa vendute nella prima settimana da Americana e Psychedelic Pill, album di un paio d'anni fa subito "pompati" dalla critica (vuoi anche per il ritorno in pista dei Crazy Horse), e le 40 mila circa di Storytone e The Monsanto Years, che hanno avuto un'accoglienza fredda e, nel caso di quest'ultimo, compromessa (il veto dei passaggi radiofonici). 100 mila copie, Monsanto le ha raccolte nella sua totalità ad oggi.
Di sicuro (e non è storia nuova per Young) si parla a gran voce dell'album: se Neil solleva un polverone, il risultato è comunque interessante. Il Rebel Content Tour, poi, dimostra ancora una volta che i due lati studio & live di Neil Young non vanno sempre (forse quasi mai) a braccetto, e quello live dimostra sempre grandi potenzialità anche nelle idee più nuove e controverse. Attendiamo con ansia la seconda parte del tour prevista per ottobre.


8 settembre 2015

The Monsanto Years in classifica: debutto #21 in USA, #24 in UK, #27 in Italia

Update 14-11-15
Nella Top200 di Billboard (USA) l'album debutta al #21 con poco meno di 18 mila copie vendute. Nel nostro paese debutta al #27. Complessivamente, nel mondo sono state vendute circa 100.000 copie (a settembre 2015).
Ecco tutte le classifiche aggiornate dal nostro chart-man d'eccellenza Luca Vitali a cui va il solito ringraziamento. Il numero indica la posizione in classifica, tra [parentesi] il numero di copie vendute.

WORLDWIDE Mediatraffic Top 40 (date of entry 18.07.2015): 10 (50.000)-33 (18.000) [68.000]-out
WORLDWIDE Musicharts Top 50 (date of entry 05.07.2015): 14 (39.000)-42 (24.100) [63.100]-out
U.S.A. Billboard Top 200 (date of entry 18.07.2015): 21 (17.768)-39-137-178-out
U.S.A. Billboard Top 100 Album Sales (date of entry 18.07.2015): 12-14-60-76-out
U.S.A. Billboard Top 100 Current Albums (date of entry 18.07.2015): 12-14-50-67-97-out
U.S.A. Billboard Top 25 Internet Album (date of entry 18.07.2015): 1-1-5-9 -13-out
U.S.A. Billboard Top 50 Rock Album (date of entry 18.07.2015): 4-4-13-19-30-out
U.S.A. Billboard Top 25 Folk Album (date of entry 18.07.2015): 2-2-3-6-8-11-17-out-24-out
U.S.A. Billboard Top 25 Tastemaker Album (date of entry 18.07.2015): 2-2-17-19-out
U.S.A. Hitsdailydouble Top 50 Sales (date of entry 10.07.2015): 18 (17.589)-out
U.S.A. Hitsdailydouble Top 50 Sales + Streaming (date of entry 10.07.2015): 38 (18.064)-out
QUEBEC Top 200 (date of entry 05.07.2015): 163-?-out
AUSTRIA Top 75 (date of entry 09.07.2015): 16-52-out
BELGIUM - FLANDERS Top 200 (date of entry 04.07.2015): 45-24-38-53-102-67-99-104-136-148-177-174-out-out-out-188-out
BELGIUM - WALLONIA Top 200 (date of entry 04.07.2015): 64-32-58-90-67-101-94-127-out-198-115-out
CROATIA Top 40 International (date of entry week26.2015): 10-13-5-26-6-14-out-out-out-out-out-out-21-out
CROATIA Top 50 Combined (date of entry week28.2015): 34-out-46-out
CZECH REPUBLIC Top 100 (date of entry week32.2015): 27-62-60-out-87-out
FINLAND Top 50 (date of entry week27.2015): 45-23-out
FRANCE Top 250 (date of entry 05.07.2015): 24-61-85-115-154-186-211-205-out-243-out
FRANCE Top 200 Phisycal (date of entry 05.07.2015): 17-41-55-75-94-out
FRANCE Top 200 Download (date of entry 05.07.2015): 38-138-out
GERMANY Top 100 (date of entry 03.07.2015): 13-33-52-77-112-out-out-41-out
GERMANY Top 100 Combined (date of entry 03.07.2015): 19-46-70-101-out-out-out-59-out
GREECE Top 75 (date of entry week44.2015): 60
HUNGARY Top 40 (date of entry 05.07.2015): 15-23-out-26-out
IRELAND Top 100 (date of entry 03.07.2015): 17-58-out-92-out
ITALY Top 100 (date of entry 05.07.2015): 27-82-out
ITALY Top 50 TV Sorrisi & Canzoni (date of entry 05.07.2015): 32-out
NETHERLANDS Top 100 (date of entry 04.07.2015): 14-15-51-52-73-91-out-72-out
NETHERLANDS CombiAlbums Top 100 (date of entry 04.07.2015): 23-32-83-94-out
NORWAY Top 40 (date of entry week29.2015): 38-out
SCOTLAND Top 100 (date of entry 05.07.2015): 14-63-out
SPAIN Top 100 (date of entry 05.07.2015): 40-99-out
SWEDEN Top 60 (date of entry 13.07.2015): 47-out
SWITZERLAND Top 100 (date of entry 05.07.2015): 36-55-66-94-out
ROMANDIA Top 50 (date of entry 05.07.2015): 14-27-26-40-out-out-30-out
U.K. Top 200 Official (date of entry 05.07.2015): 24 (3.555)-77-199-out
U.K. Top 100 Sales (date of entry 05.07.2015): 18-72-out
U.K. Top 100 Physical (date of entry 05.07.2015): 15-55-out
U.K. Official Vinyl Albums Chart Top 40 (date of entry 21.08.2015): 29-out
U.K. Top 40 Record Store (date of entry 05.07.2015): 3-15-16-out-out-out-32-out
WALES Top 100 (date of entry 05.07.2015): 24-65-out
HONG KONG Top 20 Rock & Pop HMV (date of entry 08.07.2015): 15-out
JAPAN Top 300 Oricon (date of entry 05.07.2015) 211 (324)-out-out-out-110 (647) [971]-out
SOUTH KOREA Top 100 International (date of entry 19.09.2015): 99-out
AUSTRALIA Top 100 (date of entry 13.07.2015): 23-71-out
ISRAEL Top 30 Musicaneto (date of entry 05.07.2015): 11-out-28-out-21-out

19 agosto 2015

Ancora Promise of the Real: a ottobre riparte il Rebel Content Tour

Neil Young e Promise of the Real: un matrimonio talmente lieto che non poteva finire così, dopo un solo mese di tour. Qualcuno li ha definiti "Crazy Horse seconda generazione" e siamo d'accordo. A ottobre la band tornerà per un nuovo breve tour di 11 date (per ora, se ne aggiungeranno probabilmente altre), sempre attraverso gli USA (nessuna notizia in merito all'Europa). Il tour viene accompagnato, come quello appena concluso, dal Neil's Village, una sorta di fiera dedicata ai prodotti e all'informazione sull'agricoltura sostenibile.
Qui potete leggere tutte le notizie sul Rebel Content Tour, mentre qui sull'album The Monsanto Years.


9 agosto 2015

Harvest riceve la certificazione Disco d'Oro per l'Italia

Finalmente un riconoscimento per Neil Young anche dall’industria discografica italiana!
Alla fine di luglio 2015 è arrivata una certificazione a Disco d’Oro per Harvest, uno degli album che hanno fatto la Storia della musica rock. Attualmente, in Italia, Disco d’Oro significa 25.000 copie vendute.
Tutti i retroscena e la storia delle certificazioni di Harvest nell'articolo di Luca Vitali.


1 agosto 2015

Neil manda una lettera d'amore ai Promise of the Real

Dalla pagina Facebook di Neil Young.

Grazie ai Promise of the Real per aver reso questo tour un'incredibile esperienza della mia vita.
Amo tutte le band con cui ho suonato, ma questa (il fattore multigenerazionale) è stata epica!
Il Rebel Content Tour è stata un'esperienza che non dimenticherò mai. Una di quelle da "una volta nella vita".
I ragazzi, Lukas, Micah, Corey, Tony e Tato sono i migliori!
E' stata incredibile la naturalezza e la facilità con cui hanno suonato le vecchie canzoni e le nuove - da Cortez a Big Box, da Wolf Moon a Out On The Weekend.
Abbiamo suonato canzoni mai suonate prima
TUTTE LE SERE
Una cosa che non mi era mai successa.
Le nuove canzoni e i vecchi successi, concerti da 3 ore sera dopo sera.
Sia la band che il pubblico li hanno adorati.
Suonare con questi ragazzi è stato un regalo - 
Una positività così immensa, pura energia, nessuna paura
Adoro fare rock con i Promise of the Real
Adoro questa band
Facciamo in modo di continuare...
Neil

Ti amiamo e ti sosterremo sempre, Zio Neil. Ti saremo sempre grati.
Micah Nelson 

Grazie Neil. Anche noi ti adoriamo e saremo qui quando avrai bisogno.
Lukas Nelson


29 luglio 2015

Crosby, Stills & Nash divisi per l'estate: tour solisti, nuove canzoni e album all'orizzonte

Facciamo il punto su CSN. Tra un tour e l'altro (il precedente è terminato a maggio, il prossimo inizierà in autunno e toccherà anche l'Italia), i tre moschettieri del folk-rock westcoastiano non si prendono vacanze. Tutti e tre stanno facendo tour solisti, due in veste acustica (Crosby e Nash) e uno con doppio set ascutico+band (Stills). Oltre al vasto repertorio da cui attingono, ciascuno pescando i successi e la parte più significativa della propria produzione (potete farvi un'idea delle setlist sul sito setlist.fm), i tre non mancano di regalare novità, come già nei precedenti tour di CSN (nei quali hanno debuttato per esempio alcune canzoni di Crosby che abbiamo poi ritrovato nel suo ultimo lavoro solista Croz).
Nash è il più prolifico, come racconta nelle interviste a proposito del suo tour acustico e di un nuovo album solista che pensa di pubblicare a inizio 2016 (dal probabile titolo di Now/Then). Attualmente compone insieme al chitarrista Shane Fontayne. Dal 2013, quando ha fatto un tour acustico analogo a quello di questa estate, fino ad oggi abbiamo ascoltato dal vivo "Back Home", "Watch Out For The Wind", "Golden Days", "Myself At Last", "Burning For The Buddha", "Exit Zero", "Here For You". Da citare anche "Almost Gone", precedente a quelle menzionate, composta con James Raymond e suonata da CSN in Live 2012 (inoltre la versione studio è stata distribuita in rete con un videoclip).
Crosby, dopo Croz, ha debuttato dal vivo due nuovi brani: "What Makes It So" e "Somebody Home" (quest'ultimo è anche apparso in tv nel programma Webnotte). Dice di comporre molto in questo periodo, chissà che non ci scappi (come rumoreggiato sul web) un nuovo album l'anno prossimo.
Stills ha provato dal vivo alcuni nuovi brani della band The Rides (la sua collaborazione blues con Kenny Wayne Shepherd e Barry Goldberg), con la quale ha un nuovo album quasi pronto per l'uscita. Di recente abbiamo sentito "Virtual World", "I've Got To Use My Imagination" e un altro forse intitolato "Get Your Game On".
La notizia forse più interessante, data da Nash in una recente intervista, è che CSN (insieme) pensano di tornare in sala di registrazione per un nuovo album di materiale inedito, sebbene niente sia ancora stato pianificato in concreto (e come fanno? Sono perennemente in tour!). Inoltre vorrebbero terminare quell'odissea infinita che è l'album di cover iniziato parecchi anni fa insieme a Rick Rubin, produttore poi allontanato dal progetto per divergenze di opinioni. Nash, che gestisce gli archivi della band, sta lavorando anche a un disco che raccoglie le apparizioni di Crosby & Nash all'interno di opere altrui.



27 luglio 2015

Graham Nash prepara un nuovo album solista per il 2016

Update
Graham Nash ha annunciato di aver realizzato un nuovo album previsto per l'uscita a inizio 2016. Lo ha detto nella recente intervista a VrtxMag che abbiamo tradotto integralmente sul sito. Insieme al chitarrista Shane Fontayne, Nash ha composto una ventina di canzoni, di recente registrate in circa una settimana. Durante i suoi tour solista e con CSN, nell'ultimo paio d'anni il musicista ha proposto dal vivo nuove canzoni: "Watch Out For The Wind", "Golden Days", "Myself At Last", "Burning For The Buddha", "Exit Zero" e "Almost Gone".
Il titolo, stando a quanto dice Nash in un'intervista dello scorso maggio, sarà Now/Then. Menziona anche alcune delle canzoni elencate sopra, più un'altra dal titolo "Mississippi Burning". Ancora non ci sono dettagli ufficiali sulla tracklist, la data di uscita e la line-up del disco.


26 luglio 2015

Si chiude il Rebel Content Tour, breve ma intenso

Le 12 serate del Rebel Content Tour di Neil Young + Promise Of The Real si sono chiuse il 24 luglio con il concerto a Oro-Medonte, Canada. Nelle precedenti settimane tante foto, video e commenti hanno impazzato per il web, grazie alle pagine Twitter e Instagram dei vari componenti. La grinta della band ha infuso nuova vita alle canzoni di Neil, anche quelle più storiche, con risultati molto apprezzati. Non sarebbe male trarre un disco live da questo tour, ma sarebbe sperare troppo...
In totale sono state suonate 300 canzoni con una media di 22-25 a sera (il concerto più lungo è stato quello di Lincoln con ben 29 brani in scaletta). Per sapere quali sono le canzoni, guardate la griglia del mitico sito SugarMountain. Spiccano alcune rarità: "Hippie Dream", "Double E", "Looking For A Love", "Don't Be Denied", "Winterlong", "White Line", "Hold Back The Tears", "Peace Of Mind", "Country Home".
Le prossime apparizioni di Neil Young saranno ai consueti concerti Farm Aid e Bridge Benefit, ma ancora non si sa se lo rivedremo con i Nelson Brothers (magari in veste acustica) oppure da solo.
Per chi non può non avere i concerti, nel forum Guitars101 sono a disposizione per il download, mentre su Dimeadozen tramite file torrent. Molte registrazioni hanno una più che soddisfacente qualità audio.


21 luglio 2015

Neil Young suona in Vermont e dona 100.000$ a un fondo anti-OGM

"Quando la gente del Vermont ha deciso di etichettare il cibo OGM
In modo da sapere cosa c'era dentro alle colture
Monsanto e Starbucks attraverso la Grocery Manufacturers Alliance
Hanno fatto causa al Vermont per aver raggirato l'opinione pubblica"

A Rock Star Bucks A Coffee Shop 

Prima del concerto del 19 luglio in Vermont, Neil Young ha incontrato il governatore Peter Shumlin e ha donato 100.000$ per contribuire alla battaglia legale che lo Stato sta combattendo per etichettare i prodotti OGM.
Shumlin racconta che Young "ha telefonato all'improvviso 10 giorni fa e ha detto: vengo in Vermont, voglio aiutarvi nei finanziamenti per la battaglia sugli alimenti."
Intanto il Rebel Content Tour proseguirà per le ultime date fino al 24 luglio.

https://instagram.com/themonsantoyears/

19 luglio 2015

Neil Young dice no allo streaming di bassa qualità

"Lo streaming per me è finito. Spero che i miei fan siano d'accordo.
Non è per i soldi, sebbene la mia percentuale (come per tutti gli altri artisti) sia notevolmente ridotta per colpa di pessimi accordi presi senza il mio consenso.
E' per via della qualità audio. Non ho intenzione di lasciare che la mia musica venga sminuita dalla peggior qualità di broadcasting di sempre. Non posso permettere che i miei fan comprino una cosa del genere. E' sbagliato per la musica.
Per me sta tutto nel fare e distribuire musica che la gente possa davvero sentire e provare. Questa è la posizione che sostengo.
Ci ripenserò quando la qualità sarà maggiore. Mai dire mai.
Neil Young"

Questa la dichiarazione apparsa sulla pagina Facebook ufficiale pochi giorni fa, dicendo così addio alla possibilità di pubblicare il suo catalogo musicale su Spotify e Apple Music. Molti fan hanno risposto dicendosi poco d'accordo. Se è vero che la qualità è un aspetto importante, è anche vero che una decisione come questa si scontra con l'ovvia comodità di ascoltare musica in situazioni in cui la qualità non è permessa (con auricolari, in auto, ecc) e la possibilità di far arrivare la musica a nuove generazioni che non spendono soldi in vinili e impianti hi-fi.
Ma sappiamo bene che Neil ci ha abituato alle sue posizioni controverse ed estremamente artistiche, controproducenti in termini di popolarità. Sembra che voglia dirci: preferisco avere 10 mila fan che ascoltino vinile piuttosto che 1 milione di fan che ascoltino mp3.


13 luglio 2015

Prosegue il Rebel Content Tour, nuovi brani in setlist e bootleg in rete

Dopo Milwaukee Neil Young e i Promise Of The Real portano avanti il tour con scintille di elettricità. Oltre alle canzoni già segnalate nel primo concerto, nelle serate seguenti la band ha suonato "Bad Fog Of Loneliness", "Hippie Dream", "Hank To Hendrix", "Winterlong", "Cinnamon Girl" e "Cowgirl In The Sand". 
I commenti in rete sono entusiastici, un'accoglienza ben diversa rispetto all'album The Monsanto Years, e anche i bootleg non hanno tardato ad apparire su internet. Vi segnaliamo il sito Guitars101 da tenere d'occhio anche per le prossime date, Bigozine2 che permette di scaricare per ora gli mp3 del concerto dell'11 luglio a Lincoln, e per chi ama i torrent il classico Dimeadozen.


6 luglio 2015

Al via il Rebel Content Tour con una setlist formidabile

Il primo concerto del tour di Neil Young + Promise Of The Real si è svolto ieri 5 luglio a Milwaukee, USA, con un repertorio di ben 28 canzoni tra cui le nuove, le classiche e alcune gemme sentite di rado. La fortunata platea ha assistito a un'iniziale apertura dello show in acustico, con il solo Neil per 5 canzoni a chitarra e pianoforte, poi al lungo set elettrico insieme alla band. Spiccano "Words", "Piece Of Mind", "Unknown Legend", "Flying On The Ground", "White Line" e gli inaspettati encore di "Don't Be Denied" e "Double E" (quest'ultima suonata solo nel Greendale Tour del 2003).

1.    After The Gold Rush
2.    Heart Of Gold
3.    Long May You Run
4.    Old Man
5.    Mother Earth
6.    Hold Back The Tears
7.    Out On The Weekend
8.    Unknown Legend
9.    Peace Of Mind
10.    Field Of Opportunity
11.    Wolf Moon
12.    Harvest Moon
13.    Words
14.    Flying On The Ground Is Wrong
15.    Walk On
16.    People Want To Hear About Love
17.    A New Day For Love
18.    Down By The River
19.    Big Box
20.    A Rock Star Bucks A Coffee Shop
21.    White Line
22.    Workin' Man
23.    Everybody Knows This Is Nowhere
24.    Monsanto Years
25.    If I Don't Know
26.    Love And Only Love
    ---
27.    Don't Be Denied
28.    Double E

Qui la recensione dello show (in inglese) e una galleria fotografica. Nei prossimi giorni vi terremo informati sull'evoluzione delle setlist e la comparsa in rete dei bootleg.


2 luglio 2015

Bollettino Monsanto: Metacritic giù a 6, inspiegabilmente

Con 24 recensioni a fare media, dopo l'uscita di The Monsanto Years il termometro di Metacritc scende a 6, appena la soglia della sufficienza. Inspiegabile a nostro avviso, specie se si vanno a vedere i precedenti: Storytone 6, Fork In The Road 6,1, A Letter Home 6,9, Living With War 7,7. La maggior parte dei giudizi lo vota da 4 a 6, confermando la reazione fredda od ostile al disco.
"Gran parte del songwriting di The Monsanto Years ha la forma di scarabocchi frettolosi" scrive Pitchfork (5,2); "così com'è, è un altra aggiunta al vasto catalogo di Young a cui si può concedere un tentativo o due, giusto per vedere cos'ha in mente, per poi tornare sui classici come Rust Never Sleeps" (American Songwriter, 5). Più giusto il parere di All Music Guide (7): "sebbene il messaggio di per sé svanirà come i giornali del giorno prima, la musica è ciò che impedisce a The Monsanto Years di svanire". Paste Magazine gli regala un 9,2: "l'urgenza di Young è fusa con l'intensità giovanile [della band]".
Potete leggere qui alcune recensioni integrali.


28 giugno 2015

Bollettino Monsanto: Metacritic 6,5, meno un giorno all'uscita


Alcuni negozi lo hanno già ricevuto, quindi se lo avete prenotato potrebbe già essere in mano vostra, ma ufficialmente The Monsanto Years esce domani, lunedì 29 giugno, in formato cd e cd+dvd. Il dvd contiene il film delle sessions e alcune video-interviste (per una durata complessiva di 75 minuti; il disco ne dura poco più di 50 e conta nove canzoni).
Negli ultimi giorni su Metacritic l'album guadagna qualche altro punto arrivando a quota 6,5 soprattutto grazie alla lusinghiera recensione di The Guardian che gli dà ben 5 stelle su 5: abbiamo tradotto le principali recensioni in anteprima nell'articolo "Recensioni Internazionali" su Rockinfreeworld. La media dei giudizi è incline a ritenerlo un disco musicalmente buono e sostenuto dall'ottima backing band, affossato da testi troppo didascalici e anti-musicali.
Segnaliamo inoltre l'articolo di GreenMe "The Monsanto Years: il nuovo album di Neil Young che fa infuriare la multinazionale degli OGM" che spiega il background dell'album.


25 giugno 2015

Bollettino Monsanto: Metacritic 6,3 e Donald Trump dà a Neil dell'ipocrita


Mentre la preview di The Monsanto Years comincia a far parlare di sé, totalizzando per ora il punteggio di 6,3 (ovvero la sufficienza) su Metacritic.com, il candidato alla presidenza Donald Trump dà battaglia a Neil Young definendolo "un completo ipocrita". Dopo aver utilizzato "Rockin' In The Free World" per la sua campagna, senza il consenso di Neil, questi ha subito risposto con una dichiarazione pubblica. Ora Trump si sfoga su Twitter dicendo: "Pochi mesi fa Neil Young è venuto nel mio ufficio chiedendo soldi per un progetto audio e la settimana scorsa mi ha chiamato invitandomi a un suo concerto". E posta non solo la fotografia ma anche la richiesta di denaro firmata da Neil.


Tornando a nuovo album, la rivista Uncut è stata la più generosa (voto 8) definendolo un disco "talvolta poco coeso, spesso sentimentale e a tratti toccante". Popmatters, altro sito di tutto rispetto, gli dà 7: "Young raggiunge l'equilibrio tra il songwriting e le prestazioni quando mette sul tavolo il cuore attraverso la ribellione". Le altre 8 recensioni, delle 10 finora apparse su Metacritic, confermano la sufficienza della media: "le tendenze monotematiche di Young a fatica dopo qualche canzone iniziano a crescere" (The Indipendent, 6), "come disco esplicito e di attualità è comunque coinvolgente e in gran parte efficace" (Now Magazine, 6). Il più scontento è Slant Magazine (4): "senza nessuno che reprime i suoi peggiori impulsi, Young è sceso nella predica estrema, creando musica precisa da un punto di vista morale, ma sciatta da tutti gli altri punti di vista".

23 giugno 2015

The Monsanto Years in streaming: e arrivano le prime recensioni


Su NPR.org in anteprima streaming il nuovo album The Monsanto Years di Neil Young + Promise Of The Real. E in rete fioccano le prime recensioni. Lo stesso NPR scrive: "La canzone 'People Want To Hear About Love' è il momento più artistico [...] Qui abbiamo una serie di canzoni tese e semplici raccolte all'interno di un concept [...]. Il fatto che vi piacerà dipende non tanto dalle vostre idee rispetto a quelle di Young, quanto dalla vostra tolleranza ai mantra ripetuti costantemente sulle tre sillabe del nome Monsanto. [...] Non è un Neil sottile alla Harvest Moon, è un Neil burbero e irascibile."
Il nostrano Rockol, che ha fatto subito seguire la recensione, scrive: "Per fortuna, The Monsanto Years è un album che musicalmente funziona, almeno per buona parte dei suo 50 minuti. [...] Fa sorridere, sentire ripetut come manta i i nomi delle aziende nelle canzoni [...]. Le canzoni ne hanno, di forza: è il disco più dritto e diretto degli ultimi anni. Più del bello Pyschedelic Pill (che però ogni tanto si perdeva in lunghe jam con i Crazy Horse), ricorda a tratti un altro disco molto politico, Living with War, del 2006. “Big Box”, per esempio, è una gran bella cavalcata di 8 minuti, degna dei Crazy Horse, e ben sostenuta dalla ritmica dei due Nelson: una delle cose migliori incise da Young negli ultimi 15 anni." 


20 giugno 2015

Monsanto, Starbucks & co rispondono alle strofe accusatorie di Neil Young

Interpellati da Billboard, i giganti del gruppo Monsanto tirati in causa da Neil Young in The Monsanto Years (in uscita il 29 giugno) rispondono alle strofe accusatorie. Ecco come.

Chevron: "abbiamo ricevuto la vostra richiesta, ma non parteciperemo all'intervista".
Walmart: "come avete potuto constatare di recente, Walmart ha incrementato la paga minima del personale a 9$ l'ora. Siamo orgogliosi di poter offrire l'opportunità di una carriera e di una vita migliore".
Starbucks: "Starbucks non ha preso posizione sul tema OGM. Come società con negozi e prodotti in tutti gli stati, accettiamo la scelta nazionale".
Monsanto: "Molti di noi in Monsanto sono fan di Neil Young. Sfortunatamente, per alcuni di noi, il suo nuovo album sbaglia nel riflettere il nostro credo e ciò che facciamo nella nostra quotidianità per rendere l'agricoltura più sostenibile. Sappiamo che c'è molta disinformazione a proposito di noi e di ciò che facciamo - e purtroppo molti di questi miti sembrano essere alla base di queste strofe".


15 giugno 2015

Nuova anteprima "Big Box", 8 minuti di puro stile Neil

Anche "Big Box" è apparsa su Youtube (solo audio) e qui si respira tutt'altra aria rispetto alle precedenti due canzoni apparse in anteprima. Ci sentiamo un po' del Neil di Mirror Ball e Broken Arrow. Voi che dite?



13 giugno 2015

Nuovi video: "Wolf Moon" e clip dalle prove

Update
Nuovi video da The Monsanto Years: la canzone "Wolf Moon" e un filmato delle prove girato a inizio 2015 da Haskell Wexler. La band suona "Winterlong", "Hold Back The Tears" e "Fuckin' Up". Il filmato integrale dura 34 minuti, in rete circolano anche alcuni estratti.



6 giugno 2015

The Message video, interviste ai Promise of the Real

La pagina Facebook di Neil Young ha postato nei giorni scorsi il video The Message: "ecco cosa ne pensa la band dell'album The Monsanto Years." scrive Neil. "Un paio di altri video delle sessions arriveranno a breve. Questo si intitola Il Messaggio ed è diretto da Don Hannah. Per maggiori informazioni visitate The Monsanto Years... una pagina che abbiamo creato per discutere più approfonditamente di come le multinazionali controllino la democrazia e di come potete contribuire a riprendervi la vostra libertà. Questo è il tema portante di The Monsanto Years."


Nel video, Micah Nelson sembra rispondere alle critiche sulla povertà artistica dei testi, sostenendo che "è troppo tardi per scrivere frasi sottili". Dice anche: "questo album non è solo Neil che prende una posizione politica. Se ascoltate le sue parole, il suo interesse è verso le persone. Gli importa davvero di dove stiamo andando. Discute il mito del progresso."
Il sito Thrasherswheat, commentando il video, definisce il nuovo album come il quarto della "Tetralogia del Messaggio" (Greendale, Living With War, Fork In The Road, The Monsanto Years): facciamo anche nostra questa definizione che ci pare più azzeccata che mai.

1 giugno 2015

The Monsanto Years: esibizioni a sorpresa all'isola di Maui

Il 23 maggio Neil Young e i fratelli Nelson erano presenti a una manifestazione anti-OGM che si è tenuta a Maui, una delle isole Hawaii (nella foto qui sotto diffusa sui social). Per l'occasione la band ha suonato una versione acustica di "The Monsanto Years", la title-track del loro nuovo disco. Il sito Stereogum ha postato il video, che riportiamo più in basso. Ma non è tutto!


Quella stessa sera la band si è esibita, a sorpresa, in un locale di Paia, con una setlist di 16 canzoni tra cui tutte quelle nuove e alcune gemme dal repertorio younghiano quali "Goin' Back" e "White Line". Peccato che ancora non sia emerso un bootleg del concerto (nel caso, ve lo segnaleremo).
1.    Country Home
2.    People Want To Hear About Love
3.    A New Day For Love
4.    Down By The River
5.    Big Box
6.    A Rock Star Bucks A Coffee Shop
7.    Goin' Back
8.    White Line
9.    Workin' Man
10.    Monsanto Years
11.    The Loner
12.    Wolf Moon
13.    Rules Of Change
14.    Walk On
15.    If I Don't Know
16.    Love And Only Love


30 maggio 2015

Richie Furay: è stato Neil a boicottare il tour dei Buffalo Springfield

Dopo aver pubblicato un nuovo album in marzo, intitolato Hand in Hand, Richie Furay in occasione di un'intervista radiofonica ha parlato della mancata reunion dei Buffalo Springfield nel 2011. I membri superstiti della mitica band westcoastiana (Furay, Stills e Young), supportati da altri musicisti, nel 2011 hanno fatto alcuni concerti tra i quali il Bridge Benefit Concert e la voce di un intero tour era trapelata per un attimo. Ora Furay chiarisce ogni dubbio su come sono andate le cose.


Dopo lo show del Bonnaroo Festival, dice, "è sembrato che tutti andassero per la loro strada. Ognuno ha preso il suo bus ed è finita lì." Young ha infatti detto di non voler suonare in altri show con i Buffalo. "Neil mi ha ferito diverse volte in passato ma questa è stata la peggiore", prosegue Furay. "Credo che tutti si stessero divertendo. Cosa saranno mai 30 giorni della tua vita... quando sei un musicista e fai esattamente questo? Ma l'idea di Neil era più o meno questa: non voglio tornare indietro e suonare quelle vecchie canzoni. Quindi cos'ha fatto? Se n'è andato a suonare vecchie canzoni con i Crazy Horse. Ma lui è fatto così."
Furay aveva composto alcune nuove canzoni pensando a un ipotetico album degli Springfield, che poi ha inserito in Hand in Hand, il quale ha riscosso ottimi apprezzamenti.

Notizia segnalata da 4waysite

29 maggio 2015

Anteprima: "A Rock Star Bucks A Coffee Shop" video

Update
La prima canzone a promuovere l'album The Monsanto Years è la country-rock "A Rock Star Bucks A Coffee Shop" con il videoclip delle sessions.



If you don’t like to rock Starbucks, a coffee shop
Well, you better change your station 'cause that ain't all that we got
Yeah, I want a cup of coffee, but I don’t want a GMO
I like to start my day off without helping Monsanto 
Monsanto
Let our farmers grow
What they want to grow

La settimana scorsa l'emittente televisiva Democracynow aveva mandato in onda un'anteprima parziale del video.

27 maggio 2015

The Monsanto Years: svelate tracklist e cover, preordine online

Lo store ufficiale di Neil Young ha annunciato in via ufficiale il contenuto e le edizioni del nuovo album, The Monsanto Years, che uscirà il 29 giugno (più tardi rispetto a quanto annunciato in precedenza). Sul sito è già disponibile il preordine.


L'album sarà disponibile in edizione cd+dvd, pono music, e in edizione deluxe con t-shirt o t-shirt+tazza. Il preordine sul sito dà diritto al download in anteprima di due brani.

1. A New Day For Love
2. Wolf Moon
3. People Want To Hear About Love
4. Big Box
5. A Rock Star Bucks A Coffee Shop
6. Workin’ Man
7. Rules Of Change
8. Monsanto Years
9. If I Don’t Know

Le nove canzoni incise da Young insieme ai Promise Of The Real saranno accompagnate dal film delle sessions, svolte nei primi mesi dell'anno al Teatro Theater, Oxnard, California. La band racconta l'esperienza e la genesi dell'album nella recente intervista di Rolling Stone.
L'immagine di copertina è un dipinto che ritrae Young e la sua attuale compagna, l'attrice (e attivista) Daryl Hannah, in una posa che omaggia il celebre dipinto di Grant Wood "American Gothic" che raffigura un agricoltore.
Il concept-album, com'è noto, si schiera contro la multinazionale Monsanto Company e gli OGM, e come i suoi predecessori dell'ultimo decennio (Greendale, Living With War, Fork In The Road) susciterà di certo reazioni controverse e pareri discordanti. Le canzoni sono già state suonate dal vivo integralmente in due concerti a sorpresa tenuti da Young e la band dei fratelli Nelson in piccoli locali. Il tour ufficiale in USA sarà a luglio.

21 maggio 2015

Lo sapevi che... Human Highway restaurato in HD

Neil Young da tempo era al lavoro su un rimontaggio di Human Highway, film girato tra il 1978 e il 1982, uscito molti anni fa in VHS e poi scomparso dalla distribuzione. Nel settembre 2014 al Toronto Film Festival la pellicola è stata presentata restaurata in edizione director's cut, 80 minuti di durata. In seguito è stata proiettata in altre occasioni come la recente retrospettiva su Bernard Shakey di New York, in aprile.

Neil e i Devo nella famosa scena di My My Hey Hey
Il film in alta definizione sarà incluso, stando ai rumours più recenti, in Archives vol.2, sebbene ancora non vi sia una data di uscita. 
Qui un nostro articolo dedicato al film, con trailer e rassegna stampa d'epoca.

6 maggio 2015

Crosby Stills & Nash, tutti i tour 2015 e nuove canzoni al debutto

La premiata ditta Crosby Stills & Nash non sembra nemmeno un po' affaticata. Il programma dei tour 2015 vede i tre musicisti in varie combinazioni, dal vivo in tutto il mondo senza soste fino a fine anno.


  • CSN vanno per la maggiore con un tour tra Giappone e Filippine da poco terminato e uno in corso in questo periodo in giro per gli USA. Da settembre sbarcheranno in Europa per una ventina di serate fino a fine anno, incluse tre date in Italia a ottobre (Milano 1/10, Padova 3/10, Roma 4/10).
  • David Crosby continuerà a promuovere il suo recente album Croz con un mese di tour negli States, tra giugno e luglio.
  • Anche Graham Nash, tra luglio e agosto, ha in scaletta una trentina di concerti in solitario (dopo un pre-riscaldamento lo scorso gennaio).
  • Crosby & Nash come duo hanno fatto un paio di apparizioni lo scorso mese.
  • Stephen Stills non è inattivo, sta solo progettando il nuovo tour con i The Rides (la sua più recente collaborazione insieme a Kenny Wayne Shepherd e Barry Goldberg) in promozione al loro nuovo album.
Qui il dettaglio di tutti i concerti in scaletta.

E intanto, nelle date più recenti di CSN, sono apparse canzoni nuove, tra cui "Somebody Home" e "What Makes It So" di Crosby, "Myself At Last" di Nash e "Virtual World" di Stills. In precedenza altre canzoni hanno fatto il loro debutto, soprattutto a firma Nash ("Burning For The Buddha", "Golden Days", "Back Home", "Watch Out For The Wind", "Exit Zero").

3 maggio 2015

Lo sapevi che... Neil Young testimonial per le t-shirt Supreme

Lo scorso febbraio Neil Young ha fatto da testimonial per una linea di abbigliamento della Supreme, famoso brand newyorkese. A firmare gli scatti su sfondo bianco, il fotografo Terry Richardson.



«Sono molto contento di far parte della nuova campagna pubblicitaria di Supreme, marchio che considero uno dei più contemporanei degli ultimi tempi», racconta Young. «Per scattare il servizio fotografico, ci siamo ispirati ai miei primi anni di carriera, quando stava nascendo un nuovo modo di fare musica: un nuovo mood sonoro focalizzato sulla persona, sulla personalità dell’individuo».
Le t-shirt si trovano anche su ebay e costano dai 95 ai 150€ (!)

Guarda il video dell'intervista