Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Rust Never Sleeps (film) in classifica

Immagine
Dopo l'uscita in edizione restaurata e in alta definizione, ecco i piazzamenti in classifica nel mondo di Rust Never Sleeps, il celebre film concerto del 1979 di Neil Young & Crazy Horse. Come sempre ringraziamo Luca 'Borderworlf' Vitali.

U.S.A. Top 50 Billboard (date of entry 23.07.2016): 1-8-11-8-12-15-19-18-out
BELGIUM - FLANDERS Top 10 (date of entry 09.07.2016): 5-6-4-out-11-10-out-out-out-out-6-out
BELGIUM - WALLONIE Top 10 (date of entry 09.07.2016): 3-2-7-5-out-out-out-out-7-out
FRANCE Top 40 (date of entry 05.09.2016): 37-40
GERMANY Top 20 (date of entry 08.07.2016): 8-18-14-out
NETHERLANDS Top 30 (date of entry 23.07.2016): 18-27-23-out-out-out-23-out
SWEDEN Top 20 (date of entry 15.07.2016): 12-out-13-12-out-11-out-20-16-out
SWITZERLAND Top 10 (date of entry 10.07.2016): 5-6-out-9-out-out-6-5-out
U.K. Top 50 (date of entry 09.07.2016): 6-9-19-22-27-34-33-35-out

(aggiornate al 21/09/2016)


Farm Aid e Outlaw Festival: setlist e video di Neil Young + POTR

Immagine
Neil Young e i Promise of the Real si sono esibiti all'annuale Farm Aid, sabato 17 settembre, poi all'Outlaw Music Festival, domenica 18. Ecco le setlist e i link ai video ufficiali del Farm Aid.
2016-09-17, Jiffy Lube Live, Bristow, Virginia, USA
Farm Aid 2016
1.    Heart Of Gold
2.    Out On The Weekend
3.    Human Highway
4.    Harvest Moon
5.    Are There Any More Real Cowboys? (con Willie Nelson)
6.    Powderfinger
7.    Rockin' In The Free World


2016-09-18, Montage Mountain, Scranton, Pennsylvania, USA
Outlaw Music Festival
1.    Heart Of Gold
2.    Out On The Weekend
3.    Unknown Legend
4.    Human Highway
5.    Harvest Moon
6.    Hold Back The Tears
7.    Powderfinger
8.    Welfare Mothers
9.    Cowgirl In The Sand
10.    Everybody Knows This Is Nowhere
11.    Cortez The Killer
12.    F*!#in' Up
13.    Rockin' In The Free World


Indian Givers, nuova protest-song di Neil Young

Immagine
Istant-song e protest-song: "Indian Givers" è stata scritta e registrata in due settimane, e rilasciata ieri in rete con un video. In questa canzone, che prosegue la lunga lista di protest-song dell'ultimo decennio, Neil Young si schiera dalla parte dei Nativi Americani contro l'installazione di oleodotti petroliferi nel Dakota. In particolare fa riferimento all'arresto di un nativo (soprannominato Happy) che si era legato agli oleodotti per protestare. Il brano ha un sound blues a metà tra Greendale e Fork In The Road.


There’s a battle raging on the sacred land
Our brothers and sisters have to take a stand

Against us now for what we all been doing
On the sacred land there’s a battle brewing I wish somebody would share the news Now it’s been about 500 years
We keep taking what we gave away

Just like what we call Indian givers
It makes you sick and gives you shivers I wish somebody would share the news Big money going backwards and ripping the soil
Where graves are scattere…

Archives 2 è vicino, pronti anche 6-7 film inediti... parola di Elliot Roberts

Immagine
"Neil possiede un'intera serie di film realizzati nel corso degli anni per la Shakey Films", racconta Elliot Roberts, manager di Neil Young, a Billboard in un'intervista di questi giorni. "Molti di essi non hanno mai avuto una vera occasione di vedere la luce. O [Neil] andava in tour o cominciava a fare un nuovo album o passava a quello dopo. Ma ne abbiamo sei o sette, di lungometraggi, che usciranno nel corso dei prossimi due anni. Questi [Rust Never Sleeps e Human Highway, restaurati e ripubblicati in alta definizione quest'anno, ndt] sono in effetti soltanto i primi due." Quali sono questi film? Roberts parla della pellicola di Hal Ashby sul Trans Tour solista del 1982/83 (uscita nel 1984 su Laserdisc con il titolo di Solo Trans), una di Tim Pope che documenta uno dei primi concerti di Young in Inghilterra, e l'intera versione di Greendale del 2003 (ma non è chiaro se si riferisce al film o al filmato del tour con gli attori sul palco, di cui si…